CENTRO DONNA L.I.S.A.

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

info@centrodonnalisa.it

 
                 donne in rete contro la violenza.

vuoi ricevere notizie dal centro donna?


 
iscriviti cancellati

 

 

libera associazione di donne

HOME

chi siamo

come raggiungerci

violenza contro le donne

LEGALE E PRIMA ACCOGLIENZA

appuntamenti

foto

corsi

AUTOPRODUZIONI

COMUNICATI

PROGETTI

FORMAZIONE

 

A partire dalla nostra esperienza, abbiamo verificato quello che la letteratura sulla violenza alle donne e l’esperienza dei Centri e delle Case di Accoglienza alle donne vittime di violenza ci aveva già insegnato: una estrema diffusione del fenomeno, il forte isolamento che vivono le donne con problemi di violenza in famiglia, la difficoltà che hanno a parlarne e l’urgenza di trovare un luogo che le accolga e le sostenga nel percorso di uscita da questa spirale, che per molte può significare anni di umiliazioni e gravi sofferenze fisiche e psichiche.

Quando le donne si rivolgono ai Centri in parte hanno già preso coscienza della loro situazione e hanno compiuto il primo passo e deciso di fare qualcosa, spesso però più per tutelare le/i proprie/i figlie/i che per sé stesse. Come confermano diverse indagini a livello europeo ed internazionale il fenomeno della violenza domestica è molto diffuso ma poco denunciato e assai poco riconosciuto dall’opinione pubblica come anche dalle vittime. Anche il nostro Centro raccoglie ed incontra solo una fascia molto ristretta di donne, non riuscendo, però, ad incidere significativamente per permettere una reale emersione del fenomeno.

Ci sembrava, quindi, urgente e necessario individuare un soggetto che per la sua posizione potesse intercettare preventivamente e su più vasta scala, il fenomeno della violenza intrafamiliare, avendo contatti sistematici e continuativi con le donne e, quindi, essere potenzialmente in grado di intervenire facilitando così l’emersione del problema e la riduzione del danno. Noi abbiamo individuato questo soggetto nel medico di base.

Nei casi di violenza all’interno della coppia o del nucleo familiare, il medico "di famiglia" può costituire spesso l’unico rapporto esterno consentito dal partner violento o l’unico contatto che la donna stessa si consente; la relazione, poi, che si instaura tra medico e paziente è spesso di fiducia e di stima. Il medico rappresenta un soggetto al quale ci si affida, con cui è possibile comunicare problemi personali e questo sicuramente facilita la possibilità per la donna, di trovare ascolto. Inoltre, il medico dispone (o quantomeno può acquisire con facilità) delle conoscenze e delle competenze professionali in grado di poter riconoscere e intercettare il problema. Molte infatti sono le patologie correlabili e/o le psicosomatizzazioni tipiche della violenza subita dalle donne: dagli evidenti segni di percosse e/o maltrattamenti (ematomi, ferite, traumi, fratture, riferite come accidentali) ai disturbi gastrointestinali e dell’alimentazione, agli stati di stress, depressione ecc.

A partire da queste considerazioni abbiamo proposto alla Commissione delle Elette del Comune di Roma di condurre un’indagine su un campione di medici di base, con la finalità di verificare l’ipotesi del ruolo importante dei medici stessi ai fini della prevenzione e del reiterarsi della violenza contro la donna, all’interno della coppia e del nucleo familiare.

La nostra ricerca/azione si è quindi prefissa di: verificare la potenziale posizione privilegiata dei medici di base nel prevenire ed intervenire rispetto al fenomeno della violenza in famiglia; verificare la loro percezione del problema e la conoscenza del fenomeno; verificare comportamenti e sensibilità rispetto al problema; rilevare quali strumenti avessero essi stessi a disposizione per affrontare la situazione e verificare l’esistenza di una formazione specifica sull’argomento

Il tempo che i medici gentilmente ci hanno concesso per svolgere il questionario è stato anche utilizzato per distribuire ed illustrare materiale informativo, che è stato inoltre lasciato a disposizione delle/gli utenti nelle sale d’aspetto.

 

Se sei interessata/o a ricevere la documentazione completa contattaci all'indirizzo info@centrodonnalisa.it , saremo liete di inviarti l'intera ricerca  .

 

 

 

materiali

legislazione

centri antiviolenza

 DONNE IN RETE CONTRO LA VIOLENZA

consultori a Roma

rassegna stampa

contraccezione e aborto

LINKS

 

site search by freefind advanced


 

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

Puoi sostenere le attività del Centro Donna L.I.S.A.  inviando un contributo a  Ass. Donne in Genere O.N.L.U.S. IBAN  IT97 H062 8003 2050 0000 3010 136 

Donne in Genere è una O.N.L.U.S.Ogni contributo in suo favore e' detraibile ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 4/12/97 n. 460 O.N.L.U.S.