CENTRO DONNA L.I.S.A.

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

info@centrodonnalisa.it

 
                 donne in rete contro la violenza.

vuoi ricevere notizie dal centro donna?


 
iscriviti cancellati

 

 

libera associazione di donne

HOME

chi siamo

come raggiungerci

violenza contro le donne

LEGALE E PRIMA ACCOGLIENZA

appuntamenti

foto

corsi

AUTOPRODUZIONI

COMUNICATI

PROGETTI

FORMAZIONE

Turchia: annullata condanna all'ergastolo all'attivista Pinar Selek

La Cassazione di Ankara annulla la sentenza di condanna all'ergastolo per Pinar Selek, ma dovrà subire un altro processo. [Marina Zenobio]



Poche ore fa è arrivata una notizia, una buona notizia anche se parziale: la Corte di Cassazione di Ankara ha annullato la sentenza di condanna all'ergastolo per Pinar Selek (43 anni), sociologa, femminista e attivista per i diritti umani rifugiata dal 2009 in Francia. Ma dovrà subire un altro processo. Prima di trovare rifugio in Francia, Pinar aveva trascorso tre lunghissimi e dolorosi anni nelle carceri turche con l'accusa di aver partecipato, nel 1998, ad un attentato in un mercato di Istanbul che provocò la morte di 7 persone e un centinaio di feriti, e di essere membro del Partito dei Lavoratori Kurdi (PKK). In realtà, una perizia del 2003, attribuì quell'esplosione ad una fuga di gas, ma ciò nonostante il marchio di 'terrorista' portò a un processo-farsa in un tribunale turco che, a gennaio del 2013, la condannò all'ergastolo.
/
Il vice-presidente dell'Associazione Francese di Sociologia, Bruno Cousin ha dichiarato che Pinar «Fu arrestata perché mentre lavorava con la minoranza kurda si rifiutò di fornire alla polizia i nomi delle persone che aveva intervistato e quindi si è giustamente rifiutata di diventare un informatore della polizia» Importante, per Pinar, è stata in questi anni la solidarietà di tante e tanti e le mobilitazioni a livello internazionale a sua difesa. Tutta la sua vita, sia pubblica che privata, è stata modellata secondo il suo motto: «La vita è l'attività accademica più importante.»
/
Oggi l'annullamento di una condanna al carcere a vita non solo ingiusta ma profondamente politica che caratterizza in modo esplicito le modalità della giustizia turca. Pur tuttavia, la notizia è buona solo in parte perché l'accanimento della giustizia turca contro Selek non è finito, la cancellazione dell'ergastolo non renderà di nuovo del tutto libera Pinar. Probabilmente non potrà più subire la condanna a vita, ma dovrà comunque subire un nuovo processo presso un tribunale della città del Bosforo, in una data ancora da definire. E noi, tutti e tutte, continueremo a stare al suo fianco.

 

Marina Zenobio 

 

materiali

legislazione

centri antiviolenza

 DONNE IN RETE CONTRO LA VIOLENZA

consultori a Roma

rassegna stampa

contraccezione e aborto

LINKS

 

site search by freefind advanced


 

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

Puoi sostenere le attività del Centro Donna L.I.S.A.  inviando un contributo a  Ass. Donne in Genere O.N.L.U.S. IBAN  IT97 H062 8003 2050 0000 3010 136 

Donne in Genere è una O.N.L.U.S.Ogni contributo in suo favore e' detraibile ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 4/12/97 n. 460 O.N.L.U.S.