CENTRO DONNA L.I.S.A.

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

info@centrodonnalisa.it

 
                 donne in rete contro la violenza.

vuoi ricevere notizie dal centro donna?


 
iscriviti cancellati

 

 

libera associazione di donne

HOME

chi siamo

come raggiungerci

violenza contro le donne

LEGALE E PRIMA ACCOGLIENZA

appuntamenti

foto

corsi

AUTOPRODUZIONI

COMUNICATI

PROGETTI

FORMAZIONE

A Roma a Tor di Quinto un’altra, un’ennesima, donna è stata
aggredita, seviziata e uccisa.
Subito si è gridato, in nome della “difesa delle donne”, alla tolleranza zero, ad attuare interventi “decisivi” come l’emanazione del decreto per dare il via libera alle espulsioni rapide

Quello che fa notizia, che riempie le prime pagine dei giornali è la nazionalità dell’autore di questa violenza: è un rumeno.
Questo approccio di stampo securitario non serve a contrastare la violenza contro le donne, svia il problema riducendolo meramente ad una questione di ordine pubblico e noi sappiamo che non è così.
Chi, come noi, lavora da anni nella costruzioni di percorsi di uscita dalla violenza ed opera a contatto con donne che subiscono direttamente, nel corpo e nella mente, le conseguenze della violenza maschile, sa che non esiste colore od etnia per gli uomini che questa violenza esercitano. Sa che solo una percentuale minoritaria di donne subisce violenza da sconosciuti e nei luoghi pubblici. La nostra esperienza, l’esperienza di tutti i centri antiviolenza ci confermano ciò, così come i dati degli studi delle organizzazioni internazionali e mondiali e degli istituti di ricerca.
Le violenze, gli omicidi, più diffusi avvengono nelle case, nei
luoghi privati, in “famiglia”. Gli autori sono uomini. Non sono sconosciuti: sono mariti, ex fidanzati; non sono emarginati sociali: hanno un lavoro, un titolo di studio, una buona situazione economica e sociale.


Ma tutto ciò non fa gridare, non conquista le prime pagine dei
giornali.
Eppure queste violenze non sono diverse da quelle perpetrate da uomini stranieri, regolari o irregolari che siano, né sono diverse la sofferenza ed il dolore che esse producono nelle donne che ne sono vittime.
L’episodio di ieri, così come tutti gli altri che non riempiono le
pagine dei giornali, ci colpisce, ci indigna, ci ferisce perché
sappiamo che cosa significa portare impressa nel corpo, nella mente la violenza subita; perché abbiamo visto nelle altre e in noi stesse le conseguenze che essa comporta; perché è una violenza che ci riguarda, fa parte della quotidianità di molte di noi.


Per questo siamo contrarie a qualsiasi risposta di tipo “emergenziale”: pacchetti sicurezza, potenziamento forze dell’ordine ecc.. e allo stesso tempo non ci accontentano proposte di legge che considerano la donna come soggetto debole da tutelare e non soggetto di diritto, che non considerano la violenza contro le donne come una violenza di genere ma un conflitto interpersonale un problema da risolvere in famiglia e nella sfera privata.
Bisogna prendere atto che la violenza alle donne è un problema
culturale e sociale, attiene alle relazioni sessuate nella nostra
società ed al loro codificarsi attraverso stereotipi, rappresentazioni e convenzioni

Ciò che va interrogato è il modo con cui si strutturano le relazioni tra uomini e donne nella società,  relazioni che storicamente si sono basate su rapporti di potere di tipo patriarcale che hanno portato al dominio dell’uomo sulla donna e alla sua discriminazione sociale e culturale.
Innanzitutto, devono interrogarsi e prendere parola coloro che
condividono con gli autori delle violenze il medesimo genere: gli
uomini. Devono esplorare e fare i conti con il proprio universo
culturale sociale e storico. Universo che ha prodotto una sessualità che continua ad imporsi con la forza, a manifestarsi come atto di dominio, di disprezzo, di pura sopraffazione, che ha come obiettivo la negazione e la cancellazione di una donna.
Per combattere veramente e alla radice la violenza alle donne non servono scorciatoie legislative e/o emergenziali d’impianto
repressivo  e coercitivo ma occorre una battaglia culturale di ampio respiro e la messa a punto di azioni a lungo termine che aprano la strada alla costruzione del cambiamento. Occorre introdurre una programmazione di intervento complessiva e durevole, che abbia come fine un cambiamento delle relazione tra i generi.
La richiesta, così come avanzata dalla Rete Nazionale dei Centri
Antiviolenza e dalle Case delle donne, è l’elaborazione e l’implementazione di un Piano D’Azione Nazionale, strutturale e
trasversale ai vari soggetti istituzionali e sociali in cui si  definiscano e programmino azioni di prevenzione, contrasto e
sostegno, oltre che di formazione, e si elaborino strategie e programmi comuni di contrasto alla violenza alle donne. Un Piano d’Azione che deve essere in grado di intervenire trasversalmente su più piani: quello sociale, sanitario, economico, legislativo, che si incardini con quello locale
attraverso concertazioni a livello nazionale e regionale, che sia
necessariamente collegato alla realtà dei Centri antiviolenza che in questi anni di vuoto politico ha agito attivamente per costruire pratiche e realtà importanti per le donne.
Solo, dunque, attraverso un approccio che consideri la violenza alle donne una questione di ordine sociale e politico e quindi pubblico e che sappia sviluppare strumenti ed interventi conseguenti si potranno avviare passi concreti per contrastare e combattere  la violenza alle donne.


Per questo siamo impegnate nella costruzione della manifestazione nazionale del 24 novembre e ci saremo insieme alle tante che numerose in questi giorni stanno aderendo all’appello e manifesteremo contro la violenza maschile sulle donne

Centro Donna L.I.S.A. (Roma)
 

 

materiali

legislazione

centri antiviolenza

 DONNE IN RETE CONTRO LA VIOLENZA

consultori a Roma

rassegna stampa

contraccezione e aborto

LINKS

 

site search by freefind advanced


 

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

Puoi sostenere le attività del Centro Donna L.I.S.A.  inviando un contributo a  Ass. Donne in Genere O.N.L.U.S. IBAN  IT97 H062 8003 2050 0000 3010 136 

Donne in Genere è una O.N.L.U.S.Ogni contributo in suo favore e' detraibile ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 4/12/97 n. 460 O.N.L.U.S.