CENTRO DONNA L.I.S.A.

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

info@centrodonnalisa.it

 
                 donne in rete contro la violenza.

vuoi ricevere notizie dal centro donna?


 
iscriviti cancellati

 

 

libera associazione di donne

HOME

chi siamo

come raggiungerci

violenza contro le donne

LEGALE E PRIMA ACCOGLIENZA

appuntamenti

foto

corsi

AUTOPRODUZIONI

COMUNICATI

PROGETTI

FORMAZIONE

PARITA’ E DIVIETO DI DISCRIMINAZIONE

(artt. 3, 37 Cost., L.903/77, l.125/91, T.U. D. Lgs.151/2001) Il principio di parità tra uomini e donne prevede che le donne abbiano diritto ad accedere a qualunque lavoro in condizioni di parità con gli uomini ed il diritto allo stesso trattamento per un lavoro eguale oppure equivalente. Solo dal 1966 è stata riconosciuta la possibilità per le donne di accedere al pubblico impiego, e progressivamente il diritto si è esteso fino al recente provvedimento che ne riconosce il diritto anche alla carriera militare (D. Lgs. 28.1.00).  Il principio di parità prevede il divieto di discriminazione tra i due sessi (legge n.903/77, art. 4 l.125/91, art. 3 T.U.):

·        nell’accesso al lavoro, con qualunque tipo di assunzione ed in qualunque settore;

·        nella formazione professionale;

·        nella carriera professionale;

·        nel tipo di lavoro che viene affidato;

·        nella retribuzione;

·        nel licenziamento;

·        nelle condizioni di lavoro;

e in ogni altro aspetto del rapporto di lavoro.

Sono vietati i comportamenti discriminatori diretti e indiretti, palesi oppure occulti, come:

·        test di gravidanza al momento dell’assunzione;

·        colloqui in sede di assunzione in cui venga chiesto se sei sposata, o se hai figli o se hai intenzione di averne;

·        rifiuto di assumerti perché sei donna (salvo per il lavoro nel settore della moda arte e spettacolo se il genere è essenziale per lo svolgimento del lavoro);

·        rifiuto di assumerti perché il lavoro prevede orari notturni;

·        rifiuto di assumerti se sei incinta;

·        rifiuto di assumerti perché il lavoro è pesante (se non è previsto dal contratto collettivo);

·        richiesta del requisito militesente (anche se le donne possono entrare nell’esercito, restano comunque numericamente molto meno degli uomini).  Sono altresì vietate le discriminazioni indirette, che dipendono dall’uso di requisiti che, anche se apparentemente neutri, in realtà sfavoriscono le donne, perché in percentuale sono in grado di soddisfare tale requisito molto meno degli uomini. (Il discorso si applica anche in modo rovesciato nei confronti degli uomini).  Il divieto non opera se tali requisiti siano “essenziali” per il lavoro da svolgere, ovvero non siano possibili alternative (art. 4 L.125/91).  Sono quindi vietati, per esempio, particolarmente al momento dell’assunzione,  ma anche ai fini della promozione, o per il trattamento retributivo etc. i requisiti consistenti in:

·        altezza minima stabilita in modo eguale per uomini e donne, e secondo parametri eccessivamente elevati rispetto alla media;

·        particolari capacità di forza fisica;

·        particolari requisiti professionali che le donne acquisiscono meno frequentemente;

·        numero di giornate di presenza sul lavoro;

·        particolare anzianità;

Si tratta di requisiti sospetti e di cui dovrà essere dimostrata l’essenzialità per lo svolgimento del lavoro.

Controlla se nel tuo posto di lavoro viene rispettato questo divieto ed eventualmente fallo valere rivolgendoti alla Consigliera provinciale di parità, ad un avvocato, al rappresentante sindacale.

In questi casi si può trattare di discriminazioni a carattere collettivo e la consigliera di parità può intervenire anche autonomamente con ricorso davanti al giudice.

Anche la diversità di trattamento – tra uomini e donne - può essere discriminatoria:

Esempio:

Agli uomini che svolgono determinati compiti lavorativi è attribuito un inquadramento professionale che non viene riconosciute alle donne che svolgono le stesse mansioni.

La retribuzione media che gli uomini ricevono (a parità di lavoro) è superiore a quella ricevuta dalle donne, per l’incidenza di voci retributive che le donne non ricevono.

Il dato statistico può essere l’indizio di una discriminazione in atto.

Esempio Assunzioni:

Sul totale degli aspiranti a posti di lavoro poche donne in rapporto alle candidate vengono assunte mentre gli uomini riescono ad ottenere una percentuale di posti più vicina alla loro consistenza numerica.

Esempio Carriera:

Ai livelli più elevati della scala professionale sono presenti numericamente 17 molte meno donne degli uomini (su 100 dirigenti solo 10 donne).

Esempio Retribuzione:

·        La retribuzione corrisposta ai dipendenti è mediamente superiore a quella percepita dalle donne (per es. perché solo ai dipendenti maschi viene affidato il lavoro straordinario, oppure compiti che prevedono integrazioni retributive).

·        La retribuzione corrispondente ai lavori che più frequentemente sono svolti da donne è minore di quella prevista per i lavori svolti dagli uomini.  Se si riscontra una situazione come queste o simile, si dovrà accertare se ciò dipenda da una discriminazione in atto, anche se non vi è stato un atto preciso che l’ha determinata. Puoi rivolgerti alla Consigliera di parità, che è competente per ampliare le operazioni di verifica ed individuare il modo più adatto per intervenire.  In molti casi è l’atteggiamento individuale che determina le discriminazioni, per il pregiudizio che le donne siano meno brave, meno presenti, meno capaci.

 

Se ritieni che sussista una situazione discriminatoria puoi rivolgerti alla Consigliera di parità provinciale, oppure al Collegio istruttorio presso il Comitato nazionale di pari opportunità del Ministero del lavoro, oppure ad un avvocato.

 

 

 

materiali

legislazione

centri antiviolenza

 DONNE IN RETE CONTRO LA VIOLENZA

consultori a Roma

rassegna stampa

contraccezione e aborto

LINKS

 

site search by freefind advanced


 

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

Puoi sostenere le attività del Centro Donna L.I.S.A.  inviando un contributo a  Ass. Donne in Genere O.N.L.U.S. IBAN  IT97 H062 8003 2050 0000 3010 136 

Donne in Genere è una O.N.L.U.S.Ogni contributo in suo favore e' detraibile ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 4/12/97 n. 460 O.N.L.U.S.