CENTRO DONNA L.I.S.A.

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

info@centrodonnalisa.it

 
                 donne in rete contro la violenza.

vuoi ricevere notizie dal centro donna?


 
iscriviti cancellati

 

 

libera associazione di donne

HOME

chi siamo

come raggiungerci

violenza contro le donne

LEGALE E PRIMA ACCOGLIENZA

appuntamenti

foto

corsi

AUTOPRODUZIONI

COMUNICATI

PROGETTI

FORMAZIONE


LE NOVITA'

2007-08-27 22:12 dal sito dell'ansa

ASILO A LESBICA IRANIANA, GB FORSE FERMA RIMPATRIO

 di Eloisa Gallinaro

ROMA - Si allontana l'incubo per Pegah Emambakhsh che non dovrà salire a forza sull'aereo diretto dalla Gran Bretagna alla volta dell'Iran, dove l'aspetta la morte per lapidazione. Grazie anche al lavoro della diplomazia italiana presso le autorità britanniche, la lesbica iraniana detenuta nei pressi di Sheffield dal 13 agosto e colpita da un decreto di espulsione dovrebbe la sospensione del rimpatrio e avere lo status di rifugiato in Gran Bretagna. La notizia della sospensione è stata data nel corso del sit in che si è svolto davanti all'ambasciata britannica, a Roma, dal presidente dell'Arcigay Aurelio Mancuso, ma era stata già anticipata, seppure con cautele, da esponenti di governo. Secondo Mancuso, che ha citato come fonte il ministro dei Diritti e delle Pari Opportunità Barbara Pollastrini, il governo britannico ha deciso un ulteriore rinvio della partenza dell'aereo che dovrebbe portare Pegah in Iran.

Qualche ora prima era stata la stessa Pollastrini ad affermare che sulla vicenda "giungono primi segni di schiarita. Il rimpatrio forzato sembra per il momento rinviato", ricordando che "l'impegno del governo Prodi per i diritti umani continuerà in questa come in altre vicende drammatiche". Dopo la condanna, nei giorni scorsi, dell'atteggiamento di Londra e la disponibilità del governo e anche delle forze di opposizione - ribadita da Rocco Buttiglione (Udc) - ad accogliere Pegah in Italia, a prevalere sono i toni dell'ottimismo. Secondo il ministro della Solidarietà Sociale, Paolo Ferrero, la mobilitazione che si è realizzata a difesa dei diritti di Pegah Emambakhsh sembra aver già indotto le autorità inglesi a rinviare il rimpatrio della donna in Iran, ora si tratta di intervenire perché la sua vita non sia più in pericolo". A metà pomeriggio anche il vice ministro degli Esteri Patrizia Sentinelli aveva affermato che "si aspetta a breve una risposta positiva" da parte del governo britannico.

A favore della donna iraniana, in mattinata, era intervenuto Franco Frattini, vice presidente della Commissione Ue che, pur precisando l'assenza di contatti formali tra l'esecutivo europeo e la Gran Bretagna, ha ricordato che secondo il diritto internazionale, "c'é un divieto all'estradizione quando in patria c'é il rischio di morte". E ha invitato Londra a "sospendere il rimpatrio" perché in questi casi occorre far prevalere la tutela della persona. Intanto la mobilitazione a favore di Pegah si allarga. Il caso è approdato al Parlamento europeo su iniziativa del radicale Marco Cappato mentre la vicepresidente Luisa Morgantiniha sollecitato l'Unione europea a prendere "una chiara posizione contro questa palese violazione della legalità, intimando alla Gran Bretagna di bloccare definitivamente, e non solo rinviare, il rimpatrio di Pegah, se non si vuole che la credibilità dei Paesi Ue venga minata da queste decisioni indecenti, che vanno contro la tutela della persona e che rischiano di trasformare la Carta dei diritti umani fondamentali in lettera morta". Un segnale della disponibilità britannica è venuto anche nel corso del sit in organizzato da Arcigay, Arcilesbica e dal Gruppo Everyone davanti alla sede diplomatica del Regno Unito.

L'ambasciatore Edward Chaplin ha annunciato il capogruppo dei Verdi alla Camera, Angelo Bonelli, incontrerà il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio assieme al presidente di Arcigay Aurelio Mancuso. Il ministero degli Interni di Londra continua a mantenere il consueto riserbo sulla questione, ma i media hanno cominciato a dare risalto alla vicenda di Pegah. Il quotidiano Guardian ha intervistato alcuni membri del Gruppo EveryOne, che ha manifestato a Roma in sostegno della quarantenne iraniana e sui siti internet si moltiplicano le iniziative di solidarietà.

eloisa.gallinaro@ansa.it

LA STORIA

Pegah Emambakhsh, lesbica iraniana di 40 anni, a causa della sua
omosessualità rischia di essere condannata a morte dai giudici della
Repubblica islamica dell'Iran. Nel 2005 la sua compagna è stata arrestata,
torturata e condannata a morte, Pegah si è rifugiata in Gran Bretagna, a
Sheffield, dove ha chiesto asilo politico che le è stato negato in quanto,
secondo il governo britannico, non può provare di essere lesbica.

Il 13 agosto è stata arrestata ed ora è trattenuta all'interno del centro di
accoglienza Yarlswood di Bedford, lunedì verrà imbarcata su un volo che la
riporterà nel suo paese e quindi verso una condanna a morte certa.

Il governo britannico sarà colpevole di questo omicidio quanto quello
iraniano, il governo italiano e l'Europa tutta saranno complici in omicidio
se non interverranno al più presto per impedire che Pegah Emambakhsh venga
espulsa.

*Chiediamo al governo italiano di fare pressioni affinché questo non avvenga o di dare a Pegah asilo politico nel nostro paese.*

Eva Mamini
Segreteria Nazionale ArciLesbica
eva.mamini@arcilesbica.it
cell. 338.4490150
 

 

 

materiali

legislazione

centri antiviolenza

 DONNE IN RETE CONTRO LA VIOLENZA

consultori a Roma

rassegna stampa

contraccezione e aborto

LINKS

 

site search by freefind advanced


 

Via Rosina Anselmi 41 00139 Roma 0687141661

Puoi sostenere le attività del Centro Donna L.I.S.A.  inviando un contributo a  Ass. Donne in Genere O.N.L.U.S. IBAN  IT97 H062 8003 2050 0000 3010 136 

Donne in Genere è una O.N.L.U.S.Ogni contributo in suo favore e' detraibile ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs 4/12/97 n. 460 O.N.L.U.S.